Nulla è come prima: e se i giovani non lavorano?

Diotima Society/ novembre 14, 2013/ Diotima Society

[et_pb_section admin_label=”section”][et_pb_row admin_label=”row”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_post_title admin_label=”Titolo del Post” global_module=”1338″ title=”on” meta=”on” author=”on” date=”on” categories=”on” comments=”on” featured_image=”on” featured_placement=”below” parallax_effect=”on” parallax_method=”on” text_orientation=”left” text_color=”dark” text_background=”off” text_bg_color=”rgba(255,255,255,0.9)” title_text_color=”#e6332a” title_all_caps=”off” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” title_font=”|on|||” saved_tabs=”all” module_bg_color=”rgba(255,255,255,0)”] [/et_pb_post_title][et_pb_text admin_label=”Testo” background_layout=”light” text_orientation=”left” text_font_size=”13″ text_line_height=”1.3em” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid”]

Le grandi transizioni, i passaggi da una fase storica alla successiva, da un paradigma a un altro, hanno sempre visto la contemporanea scomparsa delle istituzioni e delle strutture legate al passato. Così, la società industriale ha “inghiottito” le antiche professioni precedenti (artisti, artigiani, contadini, antiche professioni del sapere, …), creando grandi contenitori: aziende, pubbliche amministrazioni, scuole, ospedali, ipermercati. Oggi, la necessità della scala d’epoca industriale per raggiungere la sufficiente capacità tecnologica e finanziaria, grazie alla “consumerizzazione” della tecnologia, è venuta meno. Le tecnologie sono pervasive, piuttosto che concentrate, così come i capitali si muovono facilmente e si indirizzano verso progetti ad alto potenziale di rendimento (Instagram, Snapchat, Twitter, …), mentre i grandi colossi industriali di oggi impiegano migliaia di persone, contro le decine di migliaia dell’epoca industriale. Il modello del lavoro dipendente tende a scomparire, mentre fanno la loro comparsa nuovi attori, come il crowd, su cui si basano le iniziative di crowdsourcing e di crowdfunding, ovvero il cloud, che permettono di smaterializzare (per l’utente finale) lo storage di grandi moli di dati, accessibili ovunque, immediatamente. I consumatori sono sempre più “consum-autori“, produttori a loro volta di senso. Cambiano anche le “catene del consumo” e le logistiche, oltre ai sistemi ICT, che in parte escono dall’impresa, sfuggendo al controllo della direzione IT. In questo contesto, il lavoro “novecentesco” ha perso la propria centralità, come mostrato dagli alti tassi di disoccupazione e sottoccupazione di cui soffrono i giovani. La politica e le istituzioni classiche faticano a trovare delle risposte convincenti, a proporre nuovi modelli.
Nella sua relazione “E se i giovani non lavorano? Tra catastrofismo e ipotesi di cambiamento” al Meeting Nazionale degli Operatori dei Centri, Spazi e Contesti di Aggregazione Giovanile – 5^ edizione – NULLA E’ COME PRIMA, che si terrà dal 14 al 16 novembre a Padova, Paolo Zanenga analizza e discute con i partecipanti gli scenari prossimi venturi. .

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]