L’European Prize For Architecture 2014 all’Arch. Alessandro Mendini

Redazione/ marzo 17, 2015/ Diotima Society, Insights

[et_pb_section admin_label=”section”][et_pb_row admin_label=”row”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_post_title admin_label=”Titolo del Post” global_module=”1338″ title=”on” meta=”on” author=”on” date=”on” categories=”on” comments=”on” featured_image=”on” featured_placement=”below” parallax_effect=”on” parallax_method=”on” text_orientation=”left” text_color=”dark” text_background=”off” text_bg_color=”rgba(255,255,255,0.9)” title_text_color=”#e6332a” title_all_caps=”off” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” title_font=”|on|||” saved_tabs=”all” module_bg_color=”rgba(255,255,255,0)”] [/et_pb_post_title][et_pb_text admin_label=”Testo” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font_size=”13″ text_line_height=”1.3em”]

 

L’European Prize For Architecture 2014 è stato assegnato all’Arch. Alessandro Mendini il 9 marzo a Milano. La cerimonia e il Gala Dinner si sono svolte nella nuova sede di Unicredit alla presenza del vicesindaco Sig.ra De Cesaris, dell’ambasciatore USA Mr. Reeker (attuale console a Milano), che ha fatto esplicito riferimento a Milano-Chicago “sister cities” e alla cultura italiana “espressione della bellezza, del gusto e della qualità della vita”, della Presidentessa dell’Ordine degli Architetti di Milano, Valeria Bottelli, dei rappresentanti delle due istituzioni che hanno conferito il Premio, Christian K. Narkiewicz Laine, Presidente di The Chicago Athenaeum e Kieran Conlon, Direttore di The European Architecture Centre.
Oltre 200 gli ospiti, tra cui molti artisti, imprenditori, giornalisti, designer e architetti presenti, (da Fuksas a Scacchetti, da Cortesi a Bellini, a Enzo Mari).
Alessandro Mendini, che è stato uno dei principali teorici del design italiano d’avanguardia e un attento precursore delle nuove tendenze, è stato premiato per il suo contribuito a cambiare e sfidare l’orientamento dell’architettura contemporanea, privilegiandone l’aspetto più umanistico e intellettuale.
Christian Narkiewicz-Laine, Presidente del Museo The Chicago Athenaeum ha detto: “Alessandro Mendini è una delle menti più rare e più iconiche nella storia dell’arte e dell’architettura. Il suo pensiero filosofico è più che originale. Egli ha spinto il suo pensiero oltre i confini della creatività, cercando incessantemente, e in un modo che non ha mai ammesso compromessi, l’idea più essenziale del progetto. E i risultati convergono sulle idee più utopiche e di vasta portata dei nostri tempi. In un’era in cui le idee sull’architettura sono copiate e riprodotte nel mondo intero con una velocità più che ‘virale’, Mendini e il suo lavoro rimangono impareggiabili, profetici e originali, con l’impronta unica di un architetto davvero geniale“.
La lectio magistralis di Mendini è stata sul tema dell’Urbanistica e dell’Utopia ed ha riscosso un entusiastico successo.
Promotrice e madrina dell’evento è stata la giornalista e critica del design Claudia Donà, membro onorario di Diotima Society.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]